Cappella di S. Pietro e S. Pasquale

La cappella a destra entrando, era inizialmente dedicata all’Immacolata Concezione di Maria Vergine. Era di giuspatronato della famiglia Arnaldo Giorgio, che vi aveva il suo sepolcro familiare.

Nel 1691, col cambiamento di giuspatronato passò alla famiglia Bosio e venne dedicata a due santi francescani: Pietro da Alcantara e Pasquale Bajlon. Una piccola lapide, murata a fianco dell’altare, attesta il fatto della mutazione di giuspatronato. Essa nota: Famiglia Bosio fu notaio Nicolò Luigi.

L’altare è in marmo bianco, con disegni giallo-rosa.

Al centro del paliotto si nota un grosso ovale, pure in marmo giallo-rosa di bell’effetto. Due bianche lesene marmoree incorniciano l’artistica pala dell’altare. Al centro dell’architrave si scorge un rotondo convesso, in marmo opalino.

La cappella è separata dalla Chiesa da una balaustra in marmo bianco, recante la data 1630.

La pala dell’altare, di autore ignoto, ma non del tutto privo di arte pittorica, è certamente degli inizi del sec. XVII. In essa sono raffigurati: S. Pietro d’Alcantara, che in ginocchio abbraccia una grossa e nuda croce, S. Pasquale Bajlon, pure inginocchiato, che, a mani giunte, adora il SS.mo Sacramento.

EVENTI

Catechismo Servizi Pastorali Concerti e Sagre Giovani Preghiera

CONTATTI

019.61.20.28

frati@parrocchianssoccorso.it